Ogni giorno nascono circa 10 bambini che vengono attaccati ad una macchina anziché al seno della madre.

Il neonato pretermine

Il 6,5% delle gravidanze non raggiunge il normale termine di gestazione di 40 settimane, ben l’1% viene alla luce al di sotto della 32ma settimana e lo 0,50% al di sotto della 28ma settimana. Questi piccoli bambini non sono in grado si sopravvivere autonomamente e vengono accolti in un utero altamente tecnologico e sofisticato che provvede al mantenimento delle loro funzioni vitali portandoli fino alla completa maturità

 

L'assistenza e la cura dei nati pretermine necessita di personale ad altissima specializzazione e di tecnologie estremamente sofisticate e gli ottimi risultati che le tecnologie biomediche per le cure intensive neonatali hanno ottenuto in questi ultimi anni, hanno permesso la sopravvivenza anche a bambini nati solo alla 23ma settimana di gestazione o con pesi alla nascita molto bassi che sfiorano i 400 gr.

Valentina
Valentina
press to zoom
Felipe
Felipe
press to zoom
Pietro
Pietro
press to zoom
Vittoria
Vittoria
press to zoom
Leonardo
Leonardo
press to zoom
Diletta
Diletta
press to zoom
Camilla
Camilla
press to zoom
Marika
Marika
press to zoom
Achille
Achille
press to zoom
Vittoria
Vittoria
press to zoom
Mattia
Mattia
press to zoom
Federico
Federico
press to zoom

Esistono ovviamente vari gradi di prematurità che non sono solo semplici numeri. La differenza tra un neonato di 23 settimane ed un neonato a termine è paragonabile alla differenza tra un bambino di qualche mese ed un adolescente. La specializzazione, la cura e l'attenzione del personale sanitario dei reparti di terapia intensiva neonatale, risultano determinanti per il futuro di questi piccoli.

I nuovi traguardi della neonatologia dovranno orientarsi verso il miglioramento della qualità della degenza ospedaliera e dell’assistenza alla “famiglia pretermine” nel suo insieme, attraverso servizi multidisciplinari.